Archivi tag: modello

In Puglia il modello Caserta

200 donne e uomini di polizia e carabinieri presto nei territori di Bari e Foggia, più squadre mobili per potenziare investigazioni e controlli. Maroni: «Non si tratta di un intervento spot ma è la volontà di intervenire fino a che non possiamo dire che la criminalità organizzata è stata debellata»

L’obiettivo è replicare nel barese e nel foggiano il «modello Caserta-Napoli», tenendo ovviamente conto delle differenze tra le due situazioni. Tra poche settimane circa 200 unità di polizia e carabinieri saranno inviate in Puglia, e non basta. A questo si aggiungerà anche il «potenziamento delle varie strutture delle squadre mobili, uomini dello Sco, del Ros, che serviranno per rendere piu’ efficaci le indagini, ma anche migliore il controllo del territorio». Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Roberto Maroni in conferenza stampa, a conclusione della riunione tecnica di coordinamento interprovinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Bari e Foggia presso la prefettura di Bari.

Al tavolo interforze siedono tutte le istituzioni coinvolte nella sicurezza del territorio: il capo della Polizia Antonio Manganelli, il comandante generale dei Carabinieri Leonardo Gallitelli, il comandante generale della Guardia di Finanza Cosimo D’Arrigo, il direttore centrale della direzione anticrimine della polizia Francesco Gratteri, i prefetti delle due province, i procuratori della Repubblica di Bari, Foggia, Trani e Lucera, i questori di Bari e Foggia, i comandanti regionali e provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza.

La riunione, infatti, ha spiegato Maroni, è stata organizzata per coordinare e potenziare l’azione di contrasto alla criminalità organizzata nei territori delle due città pugliesi rafforzando il supporto all’attività investigativa e rendendo più capillare l’attività di controllo. «La sinergia – ha sottolineato il ministro – e il giusto equilibrio tra queste due azioni sta portando, lì dove abbiamo adottato questo modello Caserta-Napoli, a risultati veramente soddisfacenti».

Per questo le riunioni proseguiranno con continuità, la prossima è prevista prima di Natale, e andranno avanti finchè servirà. «Non si tratta di un intervento spot legato ad un fatto contingente – ha sottolineato Maroni- ma è la volontà di intervenire dove serve, finché serve e fino a che non possiamo dire che la criminalità organizzata è stata debellata».

 

fonte: www.governo.it

Annunci